DOMANDE E RISPOSTE

CHI HA DIRITTO A PRESENTARE DOMANDA?

In caso di diagnosi di mesotelioma dimostrabilmente causato dall’amianto in Svizzera insorto a partire dal 2006, le seguenti categorie possono presentare richiesta di indennizzo:

  • La persona malata
  • Il coniuge
  • Il/la partner convivente in unione domestica registrata
  • Il/la partner che abbia convissuto con la persona che si è malata ininterrottamente negli ultimi cinque anni
  • e fino alla sua morte
  • I figli della persona che si è ammalata
  • Soggetti autorizzati dall’avente diritto

 

COS’È IL MESOTELIOMA MALIGNO?

Il mesotelioma maligno è un tumore di natura maligna a rapido aggravamento che colpisce la pleura o, più raramente, il peritoneo, la cui origine è da ricondursi prevalentemente all’esposizione all’amianto. Il periodo che intercorre tra la contaminazione da amianto e l’insorgenza della malattia è pari a 15-45 anni. Il mesotelioma è la patologia più grave causata dall’amianto: i soggetti colpiti di norma sopravvivono per poco tempo dall’insorgenza della malattia, in media 1-2 anni.

 

CHI VERIFICA LE DOMANDE PRESENTATE?

Il Service Center Assistenza verifica i criteri di eleggibilità in base alla documentazione presentata alla Fondazione EFA.

 

IN QUALI LINGUE PUÒ ESSERE PRESENTATA UNA DOMANDA?

I documenti possono essere presentati alla Fondazione EFA in lingua tedesca, francese o italiana. Per tutti i documenti redatti in un’altra lingua si prega di far effettuare una traduzione autenticata in lingua tedesca, francese o italiana.

 

QUAL È LA PROCEDURA SUCCESSIVA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA?

Se la sua domanda è completa, la Fondazione EFA verifica se lei ha diritto alle prestazioni. Può interpellare al riguardo medici del lavoro specializzati in malattie da amianto o anche ulteriori specialisti.

Se la vostra domanda risponde ai requisiti necessari, la Fondazione EFA vi invierà un contratto. Il contratto contiene inoltre una dichiarazione di rinuncia ad avviare altre azioni legali. La Fondazione EFA procede al versamento non appena il contratto è stato firmato da tutte le parti interessate. Se non dovessero essere presenti tutti i documenti necessari, sarà invitato a inviarli a posteriori. Se la sua documentazione non soddisfa tutti i requisiti, la Fondazione EFA le invierà una decisione di reiezione.

Il trattamento di una domanda, in particolare l’esame dei presupposti del diritto, può richiedere un certo lasso di tempo. Contiamo sulla sua comprensione.

 

ESISTE IL DIRITTO A UN RISARCIMENTO ANCHE ALLA PRESENZA DI UN’ALTRA AFFEZIONE CAUSATA DALL’AMIANTO?

Il Fondo per le vittime dell’amianto versa risarcimenti esclusivamente per i mesoteliomi per i quali è provato che sono stati causati in Svizzera dall’esposizione all’amianto. La Fondazione EFA non può accogliere richieste per altre malattie causate dall’amianto.

 

QUALI DOCUMENTI SONO NECESSARI PER UNA DOMANDA?

  • Il modulo di domanda compilato in tutte le sue parti e firmato
  • Il libretto di famiglia
  • Gli atti dell’assicuratore LAINF, ad es. la relativa decisione
  • Se la persona che si era ammalata è deceduta: un elenco ufficiale degli eredi
  • In caso di domanda a nome di una comunità ereditaria: una procura, firmata da tutti gli eredi, la quale
    attesti che il richiedente è autorizzato a rappresentare la comunità ereditaria nei confronti della Fondazione EFA e a ricevere eventuali indennità
  • Se, secondo le normative vigenti, il mesotelioma della vittima non è riconosciuto da un assicuratore infortuni come malattia professionale: un estratto completo del conto individuale della persona in questione (disponibile presso la cassa di compensazione AVS); un elenco dei luoghi, delle modalità e dei periodi in cui la persona in questione è venuta in contatto con l’amianto; i rapporti medici dal momento in cui è comparsa la malattia

 

Come utilizza la Fondazione EFA i dati raccolti?

La documentazione inviata è utilizzata della Fondazione EFA esclusivamente per verificare se sono soddisfatti i presupposti del diritto. L’inoltro a terzi avviene esclusivamente nel quadro dell’accertamento del diritto da parte di medici del lavoro e altri specialisti. In relazione a ciò necessitiamo di una sua dichiarazione di consenso.

Sulle domande pervenute non sono fornite informazioni a terzi, né per iscritto né a voce.

La Fondazione EFA non richiede documenti a terzi. Lei deve fornire l’integralità della documentazione.

Non appena la documentazione non è più necessaria, la Fondazione EFA gliela retrocederà.

 

COME CONTATTARE IL SERVICE CENTER ASSISTENZA

Per telefono (dal lunedì al venerdì): +41 41 418 89 79
Per mail:   gesuche@stiftung-efa.ch

Mattina:           ore 08:00 – 12:00
Pomeriggio:   ore 13:30 – 17:00